Tumblr photossearch

perlabionda Verrà la morte e avrà i tuoi occhi. Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Mi dissero che ero cambiata, ch'ero divenuta donna.Dissero che la camminata mi divenne d'un tratto eretta, priva di ingobbamenti, che i piedi avvolti nello scomodo tacco erano sempre alla ricerca di un luogo indefinito. Dissero che ridevo di meno, che avevo smesso di arricciare il naso come una bambina capricciosa ogni qualvolta che qualcosa non era di mio gradimento. Mi dissero che avevo un espressione più stanca, appropriata ad un adulta,reduce a nottate sui libri. Mi dissero che finalmente avevo iniziato a capire come gira il mondo, a rispondere a modo e non come un vulcano in piena. Dissero che il trucco pesante e il capello sempre sistemato facesse di me un'opera d'arte, una da appendere in salotto.Dissero tante, tante di quelle stronzate.Divenni eretta perché il peso delle responsabilità si aggrappava più violento che mai alle mie spalle, rischiando di farmi precipitare ad ogni singolo passo. Camminavo di fretta, in mille luoghi per trovare un posto dove potessi sentirmi quella che sono. Avevo capito che non bisogna tralasciare sentimenti, non di gioia e tantomeno di disgusto, capii che ridere con sconosciuti da una vita non mi giovava a niente e iniziai a selezionare le persone a cui regalare qualcosa di così intimo. Ero sempre stanca, la notte non riuscivo a dormire, nella mia testa regnava un continuo caos, incessante proiezione degli errori che hanno tragicamente cambiato la mia vita. Del mondo e di come girasse io non ne avevo capito un bel niente, mi lasciavo trasportare alla deriva dal mostro dell'indifferenza.Odiavo essere paragonata ad un quadro. Io ero una donna d'azione, non un opera d'arte da rimirare nella sua perfezione.Dissero tante stronzate. Dissi che non mi conoscevano. Perlabionda. (via perlabionda)
loading...